Nuova pagina 1

 


english English Home Contatti Credits ISSN
2282-5754
 
Centro Studi Sofferenza Urbana

 

 

SouqBiblio: bibliografia internazionale annotata*

Nuova pagina 1

 


 1)    Patel V, Saxena S, Lund C, Thornicroft G, Baingana F, Bolton P A, Chisholm D H, Collins P Y, Cooper J L, Eaton J, Herrman H, Herzallah M M, Huang Y, Jordans M J, Kleinman A, Medina Mora M E, Morgan E, Niaz U, Omigbodun O, Prince M, Rahman A, Saraceno B, Sarkar B K, De Silva M, Singh I A,  Stein D J, Sunkel C, Unutzer J. (2018). The Lancet Commission on Global Mental Health and Sustainable Development. Lancet. October. In Press. 

Lancet attraverso il lavoro di ventisette « commissari » pubblica la piú recente, attuale, documentata e completa revisione dello stato dell'arte della salute mentale globale. Si tratta probabilmente dello sforzo multidisciplinare piú importante realizzato negli ultimi venticinque anni (dopo la pubblicazione nel 1995 del World Report di Harvard) : con una attenzione costante alle evidenze recenti della ricerca neurobiologica, clinica  e epidemiologica, questo testo costituisce uno strumento indispensabile per esperti di salute mentale, ricercatori, pianificatori di salute pubblica e politici attenti alle implicazioni e ai legami fra salute mentale, determinanti sociali e sviluppo sostenibile.  

 

2)    Revelli M. Le due destre : le derive politiche del postfordismoBollati BoringhieriTorino, 1996.

Si tratta di un libro « vecchio » in realtà molto nuovo e attuale anche se pubblicato nel 1996. Revelli sostiene che lo scenario politico italiano vede contrapporsi non una destra e una sinistra, bensì due destre, una tecnocratica ed elitaria, l'altra populista e plebiscitaria. Che entrambe si prefiggono  di sostenere i processi  di ristrutturazione in corso nel mondo produttivo, smantellando regole e garanzie che avevano caratterizzato il patto sociale  socialdemocratico della seconda metà del '900. Due destre che rimettono al centro del discorso politico l'impresa, in pro della quale si prefiggono le  privatizzazioni del patrimonio industriale pubblico, la flessibilizzazione del mercato del lavoro e i tagli delle prestazioni sociali (dalle pensioni alla sanità alla scuola). Due destre accomunate da fini identici e distinte  nei « modi » : la destra tecnocratica ed elitaria puntando essenzialmente alla mobilitazione dei ceti medi in un progetto di società individualizzata e competitiva, la destra populista e plebiscitaria rivolgendo invece la propria offerta politica alle fasce sociali che più avrebbero sofferto del crollo della domanda indotto dalla dissoluzione del precedente patto sociale, vale a dire la piccola e media impresa, i disoccupati, i precari, i sommersi e sempre penalizzati.

3)   Gramsci A.  Quaderni del carcere.Edizione Critica.(a cura di V. Gerratana)4 voll.Einaudi, Torino 2007.

Da leggere per i piú, da ri-leggere per i pochi che giá li conoscono. Si tratta della raccolta degli appunti, dei testi e delle note che Antonio Gramsciiniziò a scrivere dall'8 febbraio 1929, durante la sua prigionia nelle carceri fasciste. Dei 33 quaderni pervenuti, 12 furono scritti fra il 1934 e il 1935, quindi fuori del carcere, essendo egli stato posto in libertà condizionale dal 25 ottobre 1934

.I Quadernifurono pubblicati dall'Editore Giulio Einaudi, sotto la n supervisione di Palmiro Togliatti, in una prima edizione tra il 1948e il 1951. Presentati originariamente secondo un ordine tematico, i Quaderni ottennero un enorme impatto nel nazionale e internazionale nel mondo della politica, della cultura, della filosofia e delle scienze sociali.

Le tematiche dei Quaderni sono eterogenee e quasi tutte ancora di  grande attualità:                                                                                                                             

 a) Il problema della egemonia : i) l'egemonia nella storia italiana ii) le classi subalterne   

b) La coscienza di classe                                                                                                                                      

c) Il partito politico                                                                                                                                          

d) Gli intellettuali                                                                                                                                              

e)La letteratura nazionale-popolare                                                                                                                   

f) La critica a Benedetto Croce                                                                                                                                 

g) Il materialismo storico

La lettura o ri-lettura dei Quaderni rappresenta un grande contributo attuale alla possible e necessaria rifondazione di una sinistra moderna e non compromessa col neoliberalismo. 

 

4)    Sen A. Identità e Violenza. Editori Laterza. Roma-Bari, 2008.

Ancora una volta Sen riflette sulla questione della Identità e dei rischi dell'"identarismo". Al contrario Sen affermna che : «dobbiamo avere piena consapevolezza di possedere molte e distinte affiliazioni, e di poter agire con ognuna di esse in molti e diversi modi». Soltanto il riconoscimento delle molteplici identità che arricchiscono ogni soggetto consente di sconfiggere le monoidentità che non soltanto sono artificiali e indotte ma sono foriere di ogni sorta di violenza.La storia dei conflitti religiosi è lì a dimostrarlo. La creazione di identità uniche è in grado di rendere il mondo un luogo più infiammabile. « Non dobbiamo dimenticare che i creatori di identità sono sempre all'opera, spacciando per antichi e universalmente condivisi punti di vista minoritari e di parte. La bontà di una società plurale, dice Sen, andrà valutata dalla capacità di mettere in grado gli individui di compiere scelte ragionate, piuttosto che dal modo con cui tollera le persone di origine culturale differente. È il ricorso alla discussione ragionata ciò che può aprire prospettive pacifiche nel mondo contemporaneo, e non certo la contrattazione tra comunità conflittuali chiuse al proprio interno » (Raffaele Carcano).  

5)   Barbui C, Papola, D, Saraceno B. (2018). Forty years without mental hospitals in Italy.Int J Ment Health Syst 12:43. https://doi.org/10.1186/s13033-018-0223-1

Una aggiornata revisione dei quarant'anni di riforma psichiatrica italiana. L'articolo segnakla la pericolosa deriva che trasforma progressivamente le residenzialità protette in veri e propri ospedali per cronici con un palese sovvertimento dello spirito della riforma (la Lombardia è probabilmente la maglia nera fra le regioni italiane). Dunque malgrado qualche ombra, ancora prevalgono le luci che fanno dell'Italia una dei piú avanzati sistemi di assistenza psichiatrica territoriale. Senza dubbio un bilancio non solo positivo ma soprattutto che ancora mantiene l'Italia all'avanguardia internazionale della assistenza psichiatrica pubblica.

 

DEBATE *I testi degli articoli, rapporti, e documenti segnalati da SouqBiblio quando non reperibili attraverso la consultazione delle riviste citate, sono generalmente accessibili attraverso ricerca su Google. 

Nuova pagina 1
  Sostenitori

Il Centro Studi Souq

Souq è un Centro Studi Internazionale che è parte integrante delle attività della Casa della Carità e studia il fenomeno della sofferenza urbana. La Sofferenza Urbana è una categoria interpretativa dell’incontro fra la sofferenza dei soggetti e la fabbrica sociale che essi abitano. La descrizione, la comprensione e la trasformazione delle dinamiche

Il progetto editoriale

La rivista SouQuaderni si propone di studiare il fenomeno della sofferenza urbana, ossia la sofferenza che si genera nelle grandi metropoli. La rivista promuove e presenta reti e connessioni con le grandi città del mondo che vivono situazioni simili, contesti analoghi di urbanizzazione e quindi di marginalizzazione e di nuove povertà. Il progetto editoriale si basa su tre scelte

Staff

Centro studi Souq   Comitato direttivo: Laura Arduini, Virginio Colmegna (presidente), Silvia Landra, Simona Sambati, Benedetto Saraceno;   Comitato scientifico: Mario Agostinelli, Angelo Barbato, Maurizio Bonati, Adolfo Ceretti, Giacomo Costa, Ota de Leonardis,  Giulio Ernesti, Sergio Escobar, Luca Formenton, Francesco Maisto, Ambrogio Manenti, Claudia
  Editoriali      Teoria in attesa di pratica      Pratica in attesa di teoria      Papers      Bibliografie     

ISSN 2282-5754 Souquaderni [online] © by SOUQ - Centro Studi sulla Sofferenza Urbana - CF: 97316770151
Last update: 20/04/2019
 

[Area riservata]